Spazio Bianco per comunicare

Che cos’è lo Spazio Bianco e perché è così importante

Comunicazione
tempo stimato di lettura: 4 minuti

Lo Spazio Bianco (white-space o negative-space) è un concetto molto importante in ambito di comunicazione. In pratica lo Spazio Bianco è tutto ciò che sta significativamente intorno al contenuto. È un elemento grafico molto rilevante, pur essendo a tutti gli effetti un non-elemento. In molti casi, il successo o meno di tutto ciò che riguarda la comunicazione, ha a che fare proprio con lo spazio lasciato intenzionalmente in bianco.

Lo Spazio Bianco non è qualcosa che coinvolge il messaggio in sé. Il messaggio funziona sempre e comunque, verrebbe da dire. Ovviamente se strutturato sempre nella maniera corretta.

Lo spazio lasciato vuoto riguarda piuttosto la maniera in cui il messaggio viene posto all’attenzione di chi lo dovrà recepire.

In molti casi, è anche quello che sta intorno al messaggio a determinarne in massima parte la sua riuscita o meno. Un messaggio, anche buono, nascosto dentro una infinità di altri elementi di rumore, perde gran parte del suo effetto. Un messaggio scadente lasciato da solo, trova una sua forza espressiva maggiore. Pur essendo per definizione limitato in sé.

Reputazione di un Brand sui Social Media distrutta

7 errori che possono distruggere un Brand sui Social Media

Branding, Social Media
tempo stimato di lettura: 5 minuti

Sono in molti a ritenere che costruire un’immagine pubblica di un’Azienda sui Social Media sia un’impresa facile. E soprattutto alla portata di tutti. Che ci vorrà mai? Basta adottare gli stessi comportamenti (o quasi) che si adottano per il sito aziendale e via! Tutto ok? Non proprio. Oggi è molto più facile che i Social procurino problemi alle Aziende di quanti in realtà ne risolvano. Costruire o consolidare l’immagine di un Brand sui Social Media richiede competenza e attenzione. Molta. Perché se si sbaglia qualcosa, e sbagliare è facile, recuperare poi diventa difficile.

Il mondo dei Social è un mondo a sé stante che va compreso e analizzato a parte. Le regole per pubblicare sui siti, essere indicizzati, etc, sono note a tutti. Le regole, invece, per partecipare ai Social cambiano a seconda del mezzo. Un’analisi approfondita dei benefici effettivi che una partecipazione può aggiungere a un Brand va sempre fatta. Perché in molti casi è meglio non essere presenti piuttosto che dare segno di scarsa partecipazione o disinteresse nel mezzo.

Ogni mezzo ha inoltre un suo linguaggio preciso che deve essere compreso appieno, se lo si vuole sfruttare al meglio. Altrimenti è un parlare a chi non può, o magari non vuole, solo ascoltare.

Macchina da scrivere per il web

12 consigli da seguire quando vuoi scrivere per il web

Blogging
tempo stimato di lettura: 5 minuti

Scrivere per il web è un processo che richiede attenzione e competenza. Non si tratta mai di comporre articoli e post con un destino segnato fin dall’inizio: quello dell’inutilità. Si tratta più che altro invece di trovare tutte quelle accortezze capaci di elevare ciò che si è scritto e farlo diventare popolare.

Trovare una maniera di rendersi interessanti agli altri è il solo scopo che deve animare chi scrive in rete.

Il web è pieno di articoli noiosi che non riescono a interessare nessuno. Non cercare mai di alimentare la schiera colossale degli articoli inutili. Pensa piuttosto a come renderti interessante nei confronti degli altri. Scrivere per il web è un impegno che trova la sua declinazione nell’interesse prodotto da ciò che scrivi. Se quello che scrivi non ha riscontri, stai sprecando il tuo tempo.

Attirare più visitatori

5 modi per attirare più visitatori diversificando i contenuti

Blogging
tempo stimato di lettura: 4 minuti

Quello di attirare visitatori è il punto numero 1 di qualsiasi Blog che voglia aspirare a diventare popolare. Chiunque si preoccupa di comunicare, e si blogga per comunicare, deve trovare il modo per attirare più visitatori. Sempre. Oltre che per consolidare gli Utenti che già frequentano il sito e hanno modo di restare aggiornati sui contenuti. Via RSS oppure mailing-list.

Siccome viviamo in un’epoca di contenuti, è chiaro che sono i contenuti a essere alla base di qualsiasi strategia di comunicazione online. Se non hai contenuti accattivanti e rilevanti, ogni sforzo per attirare visitatori resterà vano. L’originalità e la coerenza pagano sempre.

Ma oltre questo, ci possono essere anche altre accortezze da adottare per riuscire a attirare più visitatori.

In ogni situazione che coinvolga la comunicazione online, è bene intraprendere iniziative che riescano a rendere i tuoi post più “leggibili”. Post che consentano di trovare un consenso su ciò che scrivi. E il consenso si ottiene anche cercando di rinnovare costantemente ogni aspetto del tuo modo di fare Blog.

Perché rinnovarsi è la maniera migliore per fare in modo che tutto resti com’è. Il Gattopardo docet.

Marketing per le attività locali

Perché l’online Marketing per le attività locali è più efficace

Business
tempo stimato di lettura: 6 minuti

Quando si gestisce un’attività commerciale locale, radicata sul territorio di appartenenza, trovare il modo giusto di promuoverla è essenziale. La concorrenza di vendita degli esercizi del luogo è sempre più spietata. Specialmente quando bisogna confrontarsi con realtà molto radicate sul territorio e storicamente agguerrite. È una lotta dura su qualsiasi fronte. Ma soprattutto per ottenere un adeguato riconoscimento di pubblico, tale da riuscire a restare sul mercato comunque. Il Marketing e la promozione sono essenziali per queste forme di business. Il Marketing per le attività locali è un settore che fino a poco tempo fa si è servito prevalentemente di strumenti a terra. I manifesti e i volantini erano i re di questo tipo di promozione. È arrivato il momento di cambiare.

Fino a qualche anno addietro l’unica forma di farsi promozione in ambito locale era quello che oggi si può definire come Marketing offline. Manifesti e volantini, ma anche annunci in radio oppure su TV locali.

Io ho vissuto personalmente esperienze di promozione sul territorio negli anni scorsi. Quello del manifesto era l’unica declinazione che gli imprenditori locali sembravano gradire e conoscere. Io proponevo servizi online avanzati, ma la diffidenza era tanta e la resistenza tenace. Il manifesto era la coperta di Linus di qualsiasi commerciante. Tutti, o quasi, pensavano con un semplice manifesto di poter risollevare le sorti di un’economia che cominciava già a dare i primi segnali di una grave crisi sistemica.

Oggi il Marketing ha cambiato la sua pelle. E tanto più deve cambiare il suo riferimento quando si fa Marketing per le attività locali. Pensare di promuovere la propria attività ancora con manifesti e annunci radio non è più efficace e nemmeno economico. È ora di voltare pagina.

Chi rimarrà ancorato al proprio orticello di manifestini distribuiti a mano dovrà confrontarsi con la dura realtà. Ovvero con strumenti sempre meno efficaci e sempre meno capaci di fare breccia nel tenace consenso dei Clienti. I mezzi di promozione sono cambiati e in ambito locale un cambiamento non solo è auspicabile, ma è diventato non più procrastinabile.